In Primo piano

Conclusa la prima attività CRUSCOTTO ANAGRAFE VACCINALE


Caltanissetta, marzo - aprile 2016

Aula ONITSi è appena concluso il primo ciclo di 2 incontri d'aula (21/22 marzo 2016 - 11/12 aprile 2016) rivolti ai responsabili e al personale dei Servizi Pre.S.A.L. e S.I.A. dei Dipartimenti di Prevenzione delle AA.SS.PP. del Servizio Sanitario della Regione Siciliana. L'evento formativo è legato alla linea progettuale n. 12.5 “Cruscotto anagrafe vaccinale”, Progetti Obiettivo di PSN 2012, in accordo con il Servizio di Epidemiologia e Profilassi guidato dal dr. Giuseppe Ferrera dell’ASP 7 di RG e con il Servizio 1 “IGIENE E SANITÀ PUBBLICA” diretto dal dr. Mario Palermo del DASOE.
«L'obiettivo è uniformare i dati delle vaccinazioni - dice il resp. scientifico del corso Mario Palermo, resp. Servizio 1 "Igiene e Sanità Pubblica" DASOE - intanto a livello regionale, e in aggiunta questo dato sulle coperture ci permetterebbe di intercettare MMG e PLS che vaccinano poco, così da ricondurli alla regolare attività, che consiste nell'assicurarsi che tutti gli assistiti siano correttamente vaccinati».Mario


«Questi gap in termini di calo delle coperture di alcune vaccinazioni - continua Palermo - hanno riportato malattie debellate da molti anni, ad esempio il morbillo che non colpisce solo i bambini ma i giovani adulti con reliquati ancora maggiori».
«Alla fine di questo percorso - conclude Palermo - ci immaginiamo un rilievo del dato sempre più vicino alla realtà e poi una base di partenza per il recupero delle inadempienze sulle vaccinazioni obbligatorie che devono essere garantite al fine di fronteggiare di nuovo queste malattie, che sarebbero sarebbero state facilmente prevenibili».
Giuseppe Ferrera«Il percorso - dice Giuseppe Ferrera resp. Servizio di Epidemiologia e Profilassi ASP 7 di RG - mette a confronto tutte le AA.SS.PP del SSR. Un incontro/confronto molto stimolante perché ognuno può vedere i risultati del proprio lavoro e si è creata una sana e benevola competizione a fare tutti meglio, dando spazio al miglioramento continuo dell'attività dei Centri Vaccinali. Fra gli obiettivi che ci si poneva di raggiungere: innanzitutto inserire questo valore aggiunto alla professionalità dei colleghi medici già fortemente impegnati a portare avanti le campagne vaccinali e poi migliorare a livello proprio di performance le coperture vaccinali, adempimento richiestoci al livello ministeriale».
«Mi porto a casa la capacità di questa Regione di parlare un unico linguaggio non solo fra le AA.SS.PP siciliane, che è certamente il primo passo - continua Ferrera - ma il futuro è rappresentato dal confronto e dalla significatività del dato con quello delle altre regioni d'Italia. Finalmente abbiamo contribuito a dare un dato di qualità, prima supportata solo dal cartaceo. Oggi la digitalizzazione permette anche il controllo e il monitoraggio fra differenti AA.SS.PP e fra regioni».
«Fra le criticità emerse - conclude Ferrera - quella del personale carente che ci costringe a DOVER fare sempre di più, cosa che già per etica morale e di salute accumuna chi opera nei Dipartimenti di Prevenzione poiché ogni attimo di lavoro in più significa un benessere di salute in più per la popolazione».

Nelle foto: Giuseppe Ferrera e Mario Palermo

(Vanda E. Anzaldi, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) 12/04/2016

Vulnerability Scanner