In Primo piano

Regole per la formazione dei datori di lavoro, dirigenti, preposti e lavoratori in tema di salute e sicurezza

Sono stati in tutto 22 i partecipanti, fra medici della medicina del lavoro e sicurezza degli ambienti di lavoro e Tecnici della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro, dei Servizi (S.Pre.S.A.L.) e (S.I.A.) delle Aziende Sanitarie dell’Isola. In termini di rappresentatività regionale mancavano soltanto le realtà di Messina e Caltanissetta.
Il corso giunto alla sua terza edizione sugli Accordi Stato-Regioni e Linee Guida per la formazione dei datori di lavoro, dirigenti, preposti e lavoratori ha come focus il delicato tema della FORMAZIONE IN SALUTE E SICUREZZA da approntare nel rispetto della normativa vigente sia rispetto ai destinatari, sia rispetto ai contenuti e alle modalità didattiche, sia rispetto alle certificazioni e alla validità del credito formativo (permanente o in aggiornamento continuo).
«La Regione Sicilia - dice in aula l’Ing. ANTONIO LEONARDI, Direttore S.I.A. ASP CT e componente del GLN “Formazione” delle Commissioni Salute e Lavoro della Conferenza delle Regioni e Presidente della “Commissione regionale per la verifica dei soggetti formatori”, presso il DASOE, Ass. Salute Sicilia - ha recepito l’Accordo Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 n. 221 e n. 223 del 25 luglio 2012 ed ha emanato le relative Linee Guida per l’organizzazione dei corsi di formazione di datori di lavoro, dirigenti e preposti (Regione Sicilia -Decreto 8 agosto 2012, n. 1619). Partendo, pertanto, dall’analisi del contesto normativo in materia di FORMAZIONE IN SALUTE E SICUREZZA si orienta il personale dei servizi S.Pre.S.A.L. e S.I.A. ad agire in modo uniforme nello svolgimento dei compiti istituzionali di vigilanza, monitoraggio e controllo a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro».

Vulnerability Scanner