IMPIANTO E GESTIONE DEL CATETERE VENOSO CENTRALE AD INSERIMENTO PERIFERICO ECOGUIDATO  (PICC-MIDLINE)

                  SIMULATION TRAINING  PER MEDICI E INFERMIERI ed. III

 

4-5-6 aprile 2017 ed. III

giornata di audit finale  (18 settembre)

 

Obiettivo

Acquisire competenze specialistiche nel posizionamento ecoguidato e nella gestione degli accessi vascolari (ottimizzare l’uso del patrimonio venoso del paziente, aumentare la sopravvivenza dell’accesso vascolare, ridurre la morbilità e l’ospedalizzazione dei pazienti dovuta ai problemi vascolari) finalizzate anche alla composizione di un team aziendale dedicato multi professionale.

Contenuti

Fisica degli ultrasuoni; piezoelettricità; formazione degli ultrasuoni; trasduttori e loro utilizzo. La formazione dell'immagine e sua interpretazione. Principi di sono anatomia: pratica di riconoscimento. Aspetti medico legali: responsabilità e rischi professionali. Ecografia ed Evidence Based. Debriefing. PICC e Midline: indicazioni al posizionamento e loro limiti. Farmaci e vie di somministrazione. Dispositivi vascolari a medio termine: PICC e Midline. Materiali e nursing per la corretta gestione dei PICC e Midline. SKILL STATION: lavori di gruppo. Anatomia aa sup, distretto cavale superiore e inferiore. PICC e Midline: complicanze meccaniche, trombotiche e infettive e loro soluzioni. Dispositivi e tecniche per la valutazione del corretto posizionamento. Gestione degli accessi venosi alla luce delle più recenti linee guida e prevenzione delle infezioni da catetere. Costruire  un percorso Evidence  Based per la realizzazione di un Picc Team.  Preparazione paziente, campo sterile, operatore  (Massime protezioni di barriera). L’importanza della posizione centrale della punta: la tecnica ECG per il controllo della posizione della punta del catetere.

Destinatari

Medici (Internisti, Intensivisti, Oncologi, Chirurghi, ecc.) e Infermieri con un minimo di esperienza sugli accessi vascolari ecoguidati e la possibilità di avere a disposizione nella propria U.O. un ecografo per lo studio degli accessi vascolari, segnalati dalle Aziende sanitarie di appartenenza.

L’attività rientra nell’obiettivo formativo tecnico-professionale ECM n. 18 contenuti tecnico-professionali (conoscenze-competenze) specifici di ciascuna professione di ciascuna specializzazione e di ciascuna attività ultraspecialistica.

Numero partecipanti: 20

Durata: 3 giornate (24 ore) tra sessioni teoriche e laboratori di pratica con utilizzo di simulatori.

Responsabile CEFPAS: D. Giordano Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Quota di partecipazione: € 400,00

Note sul corso: La partecipazione al corso avviene tramite segnalazione dell’Azienda sanitaria di appartenenza.

L’attività formativa è strutturata secondo le raccomandazioni delle Consensus GIPE (Gruppo Italiano PICC Expert), WoCoVA Foundation (World Congress Vascular Access) e GaVeCeLT (Gruppo Aperto di Studio “Gli Accessi Venosi Centrali a Lungo Termine” Università Cattolica Sacro Cuore Roma). L’articolazione prevede: (1) corso teorico-pratico con laboratorio ecografico e sessioni pratiche in simulazione (skill station) condotte da Formatori trainer qualificati e certificati dal Gavecelt; (2) “learning curve” personale di verifica dell’apprendimento attraverso apposita scheda che sarà consegnata ai discenti/corsisti; (3) durante il periodo di training (aprile, maggio, giugno) i discenti/corsisti dovranno impiantare almeno dieci accessi vascolari ecoguidati e produrre almeno tre filmati video comprovanti un impianto ecoguidato dall’inizio a fine procedura secondo bundle Gavecelt; (4) audit  finale a tre mesi di distanza dalla partecipazione alle attività d’aula con verifica d’apprendimento. 

Vulnerability Scanner