CEFPAS

Centro per la Formazione Permanente e
l'Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario

Un’idea del passato che scommette nell’innovazione e investe sul futuro. L’evoluzione progettuale del Cefpas, il Centro per la Formazione del Personale Sanitario di Caltanissetta, parte da questa concezione nella vision della nuova governance. Che, sotto la spinta dell’attuale governo regionale che ha voluto scommettere sulla riqualificazione del Centro nato nella seconda metà degli anni Ottanta, rendendo questo polo d’avanguardia situato a Caltanissetta una eccellenza nella formazione sperimentale sanitaria e un grande hub informatico della digitalizzazione del “Sistema Salute” regionale. Una connessione, molto più che virtuale e telematica, tra cittadini, istituzioni e salute nel bacino dell’Euromediterraneo.

Un rinnovamento del Centro che parte, anzitutto, dalla dimensione etica che il Cefpas assumerà nel contesto del SSR, dal suo potenziale valore scientifico nel bacino euro mediterraneo e dall’importanza che l’ente dovrà assumere nell’economia del centro della Sicilia. 


Al rinnovamento del centro è stato associato un nuovo branding fortemente voluto dal suo Direttore generale, Roberto Sanfilippo: non a caso Cefpas 4k-Energy for knowledge Energia per la conoscenza, sintetizza la potenza dei quattro asset prioritari nella programmazione attuale e futura: formazione, innovazione e ricerca, sicurezza e prevenzione, internazionalizzazione. Un laboratorio attivo capace di generare conoscenza e sapere, stimolare competenze, investire nella ricerca.


Peculiarità che rendono il Cefpas di Caltanissetta tra i quattro poli d’avanguardia scientifica che operano in Italia. «La posizione strategica del Cefpas nell’area centrale della Sicilia lo rende uno strumento dell’economia cittadina che punta ad estendere l’asse formativo attuale di assistenza alle aziende sanitarie con queste quattro nuove direttive di sviluppo», spiega Sanfilippo, che dal 3 dicembre 2018 guida il Centro a seguito della nomina del presidente della Regione, Nello Musumeci, e dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

«Prima di insediarmi ho voluto personalmente conoscere i miei tre predecessori, con i quali ho interloquito e ci siamo confrontati su ciò che era stato realizzato nel corso degli anni. Grazie a questi input, fin dal giorno del mio arrivo, con il management aziendale abbiamo lavorato per garantire la crescita del Centro e delle persone che si formeranno in ambito sanitario per il benessere delle nostre comunità», aggiunge il manager. Un percorso fatto di numeri, potenziamento dell’offerta formativa e un maxi progetto di riqualificazione del Centro che è stato possibile porre in essere – precisa Sanfilippo – grazie la sua contemporanea appartenenza a due grandi squadre: la squadra Cefpas, composta dalla direzione strategica, dai dirigenti e da tutto il personaledel centrolodato per le qualità umane, di dedizione, impegno e professionalità e la squadra della regione siciliana  definita “una meraviglia” – che, dall’Assessore ai dirigenti generali all’intero comparto lo hanno supportato affinché fosse possibile realizzare quanto pensato.


Va in questa direzione l’attribuzione al Cefpas della Scuola di Medicina Regionale destinata alla formazione dei medici in possesso di abilitazione all’esercizio professionale e non ancora specializzati. «Un potenziamento dei servizi che il nostro Centro potrà offrire e che diventa possibile grazie alla preziosa intesa con gli Ordini professionali delle città metropolitane siciliane nelle quali ricadono le facoltà universitarie di Medicina e Chirurgia – aggiunge soddisfatto Roberto Sanfilippo -. Formeremo nuovi professionisti della salute in Sicilia, con evidenti effetti positivi sui livelli occupazionali e impedendo la fuga delle intelligenze all’estero».

Ma c’è di più. Il Cefpas, nell’ottica di promozione internazionale della formazione, ospiterà anche la Euro Mediterraneanschool of health security dedicata allo sviluppo delle competenze nella prevenzione e promozione della salute pubblica con particolare riguardo alle politiche di immigrazione. L’innovazione sarà uno degli obiettivi del Cefpas diretto da Sanfilippo, che grazie allo stanziamento regionale di 4 milioni di euro potenzierà il Centro Mediterraneo di Simulazione (Cemedis), che consentirà agli operatori sanitari di simulare sugli ologrammi l’intervento clinico.


«Si tratta di un progetto che rappresenta una nuova dimensione nello scenario formativo hi-tech sul tema della realtà aumentata virtuale nella medicina, come accade in altre poche realtà all’estero – ha commentato soddisfatto Sanfilippo -. Già da settembre, il Centro sarà parte attiva nei percorsi di amministrazione e salute digitale al servizio della rete sanitaria e dei cittadini, facilitando l’accessibilità e la consultazione delle cartelle cliniche e la prenotazione delle visite specialistiche. Ci rende orgogliosi che questo esempio di virtuosismo della Pubblica Amministrazione passi dal protagonismo del Cefpas».Uno dei punti dell’agenda dei lavori del Direttore Roberto Sanfilippo è quello della sostenibilità ambientale, che nei prossimi mesi vedrà l’avvio di un intervento infrastrutturale in tutti gli edifici del Centro per un investimento complessivo di oltre 20 milioni di euro. Un piano che renderà le strutture del Centro maggiormente efficienti contro gli sprechi energetici e in grado di produrre energia rinnovabile fino a renderle quasi autosufficienti, secondo le attuali normative e in linea con gli obiettivi di Agenda 2030, consentendo un risparmio di oltre 400 mila euro l’anno.

 

 

Skip to content