CEFPAS

Centro per la Formazione Permanente e
l'Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario

Progetto I.C.A.R.E: L’importanza della presa in carico multidisciplinare culturalmente competente

La cura di pazienti migranti assume una valenza complessa, alla ricerca di difficili equilibri che influenzano le attribuzioni di senso. La multiculturalità ci fa confrontare con immaginari e costruzioni di significati lontani dai canoni tradizionali che richiedono ai professionisti della salute di mettere in campo diversi saperi affidando nuovi compiti ai servizi sanitari.
La Sicilia ha colto questa opportunità attraverso il percorso progettuale I.C.A.R.E Integration and Community Care for Asylum and Refugees in Emegency, che vede l’ASP di Trapani come ente capofila con il coinvolgimento di tutte le altre ASP della Regione e con il coordinamento del Cefpas, per le attività formative. Il Progetto, ideato con l’obiettivo di migliorare l’accesso alle cure per i richiedenti e titolari di protezione internazionale nei servizi sanitari territoriali, prevede tre azioni, rivolte agli operatori del sociale e del terzo settore ed ai professionisti sanitari e sociosanitari.
I 60 destinatari selezionati (ostetriche, psicologi, medici, assistenti sociali e infermieri) sono stati coinvolti nel percorso formativo della seconda azione appena conclusa, che ha promosso un approccio multiculturale e interdisciplinare della presa in carico, con particolare attenzione alle varie forme di vulnerabilità e alla loro identificazione.
Dal punto di vista metodologico, all’interno del percorso generale, sono state realizzate delle giornate formative per l’utilizzo della piattaforma SAVE, un software progettato per supportare i professionisti sia nella valutazione iniziale dello stato di salute della popolazione migrante (dal momento dell’arrivo o immediatamente dopo), sia nelle fasi successive del percorso di accoglienza, offrendo agli operatori gli strumenti idonei per identificare precocemente sia le comuni condizioni patologiche sia i traumi e le vulnerabilità, con lo scopo di facilitare una presa in carico globale ed integrata.
Fondamentali il confronto e l’interazione tra i partecipanti ad ICARE che, alla luce dei feedback ricevuti, hanno avvalorato le aspettative e hanno confermato l’occasione per favorire l’empowerment dei professionisti e per creare nuovi setting in cui condividere know how e costruire relazioni. Per informazioni: arnone@cefpas.itpaola.silvino@cefpas.it

Skip to content