CEFPAS

Centro per la Formazione Permanente e
l'Aggiornamento del Personale del Servizio Sanitario

Sanità: primo intervento al Gemelli Giglio di tiroidectomia trans-ascellare robotica

La fondazione Gemelli Giglio di Cefalù diventa in Sicilia pioniere nella chirurgia endocrina con il progetto “Gemelli Giglio Medical Partnership”. E’ stato effettuato infatti il primo intervento di tiroidectomia trans-ascellare robot-assistito che ha la particolarità di essere eseguito senza lasciare “tracce” sul collo.

Il merito a questo particolare intervento è ascrivibile a Marco Raffaelli, direttore del centro di malattie endocrine e obesità del Gemelli Giglio Medical Partnership, coadiuvato dal dottore Luca Sessa, su una paziente siciliana di 22 anni, dimessa a due giorni dall’intervento in ottime condizioni.

“Utilizzando l’approccio trans-ascellare robot-assistito – spiega il professor Marco Raffaelli – la regione del collo resta completamente indenne da cicatrici perché il chirurgo rimuove la ghiandola passando attraverso un’incisione praticata a livello del cavo ascellare; da qui vengono introdotte le ‘braccia’ del robot e la telecamera che permette una visione tridimensionale ed ingrandita. Gli strumenti chirurgici vengono guidati in una sorta di ‘tunnel’ sopra il muscolo pettorale fino a raggiungere la regione anteriore del collo, dove si trova la tiroide”. 

Ancora una volta la Sicilia dimostra di essere al pari delle altre realtà sanitarie regionali grazie agli investimenti sulle competenze e professionalità nel territorio.

Skip to content